Avvertenze

Non sono alla ricerca di rendere visibile questo spazio. Non m'interessa e scrivo quindi di conseguenza.
Lo sai da subito.
Viaggio moltissimo e qui appunto, quando ho voglia, quello che mi fa riflettere e mi tiene occupato oltre al lavoro durante i tanti spostamenti: libri, musica, cibo, posti da vedere, fantasie e riflessioni in generale. Sono queste, per ora, le aree principali dei post.


domenica 12 aprile 2009

Io come una spice



Roma, Milano, Amsterdam, Parigi, Barcellona, Dusseldorf (solo per citare quelle ricorrenti), e soprattutto Londra. Sempre in giro, sempre in albergo.

Ci sono sicuramente gli aspetti positivi: il servizio; le piscine; le colazioni in camera; se perdo le chiavi (ed io le perdo sempre), non devo chiamare un fabbro, ma solo la reception.

Tanti i vantaggi, ma dopo un po', una casa ti manca.

A me manca la mia cucina, il poter invitare a cena gli amici, la privacy delle mura domestiche, solamente filtrate, dai vicini, la portinaia e la leggendaria signora del piano di sopra.

D'altra parte, trovare la casa giusta per me a Londra, non è affatto facile.

Richiede tempo e francamente non ho mai pensato ci fosse: rassegnato alla stanza 123, dell'Holiday Inn di Hemel.

Ma questa mattina, proprio la mattina di Pasqua, la soluzione si è aperta difronte a me: la "spice posh", stanca come me di vivere in albergo, ha avuto l'idea geniale: prendere in usufrutto un'ala del castello sforzesco a Milano.

L'amministrazione ha reagito in modo "freddino".
Anche se tutti speriamo nel provvidenziale intervento del "cavaliere", per assecondare le giuste attese di una donna di casa, moglie e madre dei figli di un giocatore del Milan, si teme comunque, che oggi, nel momento in cui abbiamo 28 mila sfollati all'Aquila e molte famiglie in difficoltà con il mutuo, una tale concessione possa essere considerata inopportuna: siamo i soliti insensibili. Vergogna!

Nessuna situazione contingente, di crisi economica o di catastrofe naturale, dovrebbe farci trascurare le esigenze di una donna, moglie e madre.

Io voglio fare qualcosa. Devo fare qualcosa.

Non voglio mettere a rischio la ritrovata armonia Italo-Anglosassone, frutto delle superbe doti diplomatiche del nostro premier, sfoggiate in occasione del recente incontro con la regina.
E non nascondo nemmeno il desiderio (risorto) di godermi quattro mura domestiche anche nella fredda terra d'Albione: ho deciso, mi sacrifico per la patria!

Victoria, facciamo lo scambio: tu al castello sforzesco ed io a buckingham palace.




Non mi rimane molto comodo per arrivare in ufficio, però credo si possa fare qualche sacrificio, d'altronde non dovrei avere problemi di parcheggio.


Così oggi ho scritto scritto al Royal Household del palazzo (bookinginfo@royalcollection.org.uk) spiegando loro la mia richiesta: agevolare Victoria nel raggiungere il suo desiderio proponendo lo scambio in modo da facilitare la decisione dell'amministrazione meneghina che certamente non vorrà essere da meno di quella anglosassone.


Vediamo se rispondono, se l'amministrazione inglese capirà le esigenze di Victoria e prenderà in considerazione la mia proposta: due stanze, l'uso della cucina ed il posto auto (anche non custodito, tanto l'auto è aziendale) nel palazzo.


M.


PS
Mercoledì vado a Londra.
Se lo humor inglese non dovesse cogliere le sottili ironie e mi dovessero arrestare al controllo passaporti (risentiti per la mia proposta), sia chiaro da subito: alloggio nelle carceri, seppur di reale appartenenza ed a carico della corona, non vale come scambio!


Articolo repubblica

8 commenti:

ilanio ha detto...

lo humor inglese e' una leggenda metropolitana
sallo!

Trilli ha detto...

ho capito che dovrò venirti a prendere nelle segrete di buckingam palace!

mauro bartoletti ha detto...

Solo per i più curiosi

----Messaggio originale----
Da: mauro.bartoletti@libero.it
Data: 12/04/2009 12.33
A: bookinginfo@royalcollection.org.uk
Ogg: I'd like to help a British family

To Whom It May Concern:

I am writing this institution to help a British citizen, or rather, a British
family: the Beckham’s.

In the light of their high probable move to Milan, Victoria rightly wondered
herself, if keep on lodging in hotels, were fine for her family.
She ended to the right conclusion of not: it is better to finally live in a
proper home.
But it is not easy to find the right one, and thus the only available option
seems to be the Castello Sforzesco.

How not to agree with her? Milan is not an easy city at all for finding a
proper lodging.

Despite there is not doubt about the rightness of the choice, I am anyway
afraid that in these days, the earthquake’s consequences on Italians’ houses in
the tragedy affected zones, and the general post credit crunch situation could,
lead into a negative response to Victoria’s desire.

It is evident that this possibility disappoints many people, in particular
after the very good meeting Mr. Berlusconi had with the Her Majesty the Queen
Elizabeth II, few weeks ago, so I decided to give Victoria’s idea an
opportunity: if British started first, Italians would not be left behind.

I also have the problem of being bored by living in hotels, when I am in
London for my business and finding the right house in London is as hard as it
is in Milan.

So what about giving me two rooms, a bathroom, the kitchen and the parking
facility in Buckingham Palace?
If you did the first step, I am sure the Milano’s authority in charge for the
Castle, would not deny Victoria the possibility to live there.

I thank you in advance for your kind reply.

Best regards,

Mauro Bartoletti

PS Even an unguarded parking place is fine (I have a company car)

BladeVet ha detto...

allora te le cerchi!
"i soliti italiani.., perchè devono fare tanto rumore.."

mauro bartoletti ha detto...

@ilanio/trilli/BladeVet: ma siete proprio diffidenti. IL glorioso popolo inglese non mancherà certamente di aiutare una famiglia di emigranti in un paese straniero.

BladeVet ha detto...

..non mancheranno di ospitarti nelle patrie galere...

;P

Anonimo ha detto...

Sono curiosa, per cui vorrei sapere se hai mai ricevuto una risposta da Buckingham Palace ;-)

Mauro Bartoletti ha detto...

In perfetto stile British, mi hanno risposto che non ci sono spazi disponibili per privati........

M.

Related Posts with Thumbnails